Villa Lodola - Tinta per capelli “Color Lucens” - Cappuccino 5.35‎

lunedì 31 ottobre 2016 1 Comments A+ a-


Oggi vi parlo della mia prima esperienza con la tinta per capelli "Color Lucens" di Villa Lodola.


Essendo una tinta per capelli non si tratta quindi di un cosmetico ecobiologico, ma probabilmente è il meglio che ci offre il mercato (come si suol dire quando si scende a compromessi..).
Se parliamo di tinte infatti, a meno che non si tratti di hennè e altre erbe coloranti, abbiamo necessariamente bisogno di componenti che di ecobio non hanno nulla.
Anche la Color Lucens di Villa Lodola, è al 100% una "tinta chimica" come è abitudine definire questo tipo di prodotti. 
Diffidate quindi da chi vi parla di "tinta biologica", "tinta naturale", "tinta vegetale". 
No, assolutamente! Stiamo parlando di una tinta colorante permanente.
Che questa tinta contenga anche degli estratti vegetali di origine biologica, non è sicuramente sufficiente a renderla un prodotto biologico e con buon INCI. 
Per approfondimenti, vi rimando al blog No-nonsense Cosmethic, che ha scritto alcuni articoli inerenti al tema "tinte per capelli": La Colorazione dei capelli  e Hazard/Concern: colorazione capelli.

Nelle formulazioni Villa Lodola agiscono in modo attivo quattro principali estratti biologici: l'estratto oleoso di elicriso (Helichrysum Italicum Extract) con azione lenitiva ed addolcente; l'estratto di calendula (Calendula Officinalis Extract) emolliente ed idratante; l'estratto oleoso di semi di lino (Linum Usitatissimum Extract) emolliente e lucidante; l'estratto di olio di girasole (Helianthus Annus Seed Oil) protettivo ed antiossidante. I coloranti impiegati sono di elevata qualità e purezza, per un effetto colore omogeneo, luminoso e di lunga durata per una efficace copertura dei capelli bianchi.


Color Lucens è una linea di tinte coloranti permanenti ad azione protettiva, disponibile in 23 nuances, che si distingue per l’assenza di ammoniaca, parafenilendiammina, resorcinolo, siliconi, alcool, glicole propilenico, sodium lauryl sulfate (SLS), sodium laureth sulfate (SLES), oli minerali e parabeni. Tutte le tinte della linea sono nickel tested e prive di profumazioni, allo scopo di minimizzare il rischio di allergie. Non contengono materie prime di origine animale e sono costituite per circa il 90% da componenti di origine vegetale e naturale.

Apprezziamo sicuramente lo sforzo dell'azienda nel concepire un prodotto che possa ritenersi un buon compromesso tra le classiche tinte per capelli e le tinte vegetali (quelle "vere", a base di hennè ed erbe). Ma che nessuno la chiami "tinta vegetale"....
Aggiungo anche che Villa Lodola ha una linea completa di prodotti per capelli (shampoo, balsamo, styling) certificata ICEA. Personalmente non la conoscevo, sino ad ora ho sempre e solo sentito parlare delle tinte ma non di altri prodotti... magari prima o poi rimedierò a tale mancanza... 
Per altre info vi rimando al sito dell'azienda LINK >>

Qui nella foto (cliccate per ingrandire) potete vedere gli INCI di: balsamo, rivelatore 20 vol., crema colorante.


Ecco il contenuto della confezione:
- istruzioni
- rivelatore in crema 20 volumi
- crema colorante nuance Cappuccino 5.35
- balsamo Sericum Cond 
- guanti



Conclusa questa premessa, veniamo alla mia esperienza.
E' una recensione quasi in diretta, dato che ho usato la tinta giusto poche ore fa..

Premetto che per me è stata in assoluto la prima tinta "fatta in casa".
Negli ultimi anni ho usato solo mix di hennè ed altre erbe, mentre le precedenti tinte le ho sempre fatte dal parrucchiere. Quindi per me una completa novità!
Ho fatto l'ultimo impacco di hennè circa a fine luglio. Poi tra ferie, mancanza di tempo, voglia e pazienza, ho lasciato correre con l'intenzione di provare appunto la tinta di Villa Lodola.
La situazione di partenza dei miei capelli è questa: ricrescita castana con riflessi rossi; lunghezze più chiare a causa dello schiarente Schultz (un consiglio? non usatelo mai!) che enfatizza il rosso dell'hennè. Quindi in sintesi un gran casino! Con i mix di hennè ed erbe riuscivo a coprire e a rendere omogeneo il colore ottenendo un castano ramato; ma dopo qualche shampoo, il castano man mano andava via e ciò che rimaneva era solo il rossiccio (tanto carino eh.. ma a me dopo un po' ha cominciato a stancare.. ridatemi il mio castano!!).
Con le luci artificiali il mix dei miei capelli era passabile (il rosso delle lunghezze si spegneva molto e mi ritrovato praticamente con una sorta di shatush/degradè) ma alla luce naturale del sole le lunghezze rossicce e chiare si vedevano eccome (vedi foto sotto)!!

Siamo quindi giunti all'esperimento Villa Lodola di oggi...
Devo dire che ero un pochino terrorizzata dalla possibilità di fare dei casini peggiori di quel che già avevo in testa.. ma per fortuna è andata bene!
La tinta si prepara molto velocemente e le istruzioni sono chiare (spiegano anche nel dettaglio come effettuare una prova prima dell'applicazione per verificare eventuali allergie): basta versare la tinta colorata nel rivelatore, una bella shakerata e via.. siamo pronti!
Aiutandosi col beccuccio della boccetta si procede con l'applicazione ciocca per ciocca partendo dalle radici e poi man mano sulle lunghezze. A questo punto mi è un po' preso il panico perché la tinta è bella cremosa e non riuscivo a portarla fino alle punte!! Respiro profondo e pian pianino, aiutandomi con le mani (forse un pennello da tinta o un pettinino sarebbero stati utili) ho ricoperto tutti i capelli, missione completata!
Dopo la mezz'ora di attesa, ho risciacquato per bene i capelli (l'acqua diventa colorata per un bel po'), uno shampoo delicato, applicato il campione di balsamo Sericum Cond, ultimo risciacquo e poi asciugatura.
Finalmente è quindi giunto il momento della rivelazione!
I capelli risultano morbidi al tatto, zero crespo e sono molto disciplinati (dopo il balsamo non ho usato altri prodotti); colore lucido, omogeneo (miracolo!!!) e perfetto dalle radici alle punte. I miei pochi capelli bianchi risultano ben coperti.
La colorazione che ho scelto (Cappuccino 5.35) si è rivelata un po' più scura di quanto pensassi, ma più o meno in linea con il mio colore naturale. Per un prossimo acquisto cercherò una nuance leggermente più chiara.
Adesso resta soltanto da vedere come varierà il colore con i prossimi shampoo e tra quanto sarà necessario ripetere nuovamente la tinta.

Qui nella foto potete vedere il prima e il dopo.
La foto a sinistra è stata scattata con luce naturale (infatti il rosso delle lunghezze è molto visibile).
La foto a destra invece è stata scattata con luce artificiale calda; il colore sembra quasi nero, ma in realtà è un castano scuro.


Bene, direi che per ora è tutto.
L'esperimento si è rivelato totalmente positivo, mi piacciono i miei "nuovi" capelli!!

Nelle prossime settimane aggiornerò il post illustrando i cambiamenti (colore che sbiadisce? ricrescita?).. chissà come andrà dopo i primi shampoo..

Grazie per aver letto il post!
Alla prossima!

Ciao ciao
Angie ^__^


ps: ho acquistato la tinta Color Lucens Villa Lodola dall'e-commerce VerdeMelaBio, super consigliato!!!! 


---------------

Aggiornamento del 10/12/2016
Dopo più di un mese la tinta ha scaricato un po' il suo colore, rendendolo più castano (e più simile al mio colore naturale). Le lunghezze più chiare sono sempre uniformate col resto dei capelli, anche se si percepiscono le tonalità più chiare (il rosso malefico purtroppo è sempre lì che cerca di tornare alla ribalta). Non si notano differenze con la zona della ricrescita. Nel complesso comunque la tinta regge ancora benissimo e non necessita di ulteriori ritocchi. Dopo questo primo mese abbondante torno quindi a promuovere la tinta Villa Lodola!


1 commenti:

Write commenti
LaDama Bianca
AUTHOR
31 ottobre 2016 21:39 delete

Verdemelabio piace anche a me, mi son trovata bene :)
E questa tinta la proverò sicuramente quando i capelli bianchi saranno in maggior numero. Bello il risultato che hai ottenuto.

Reply
avatar

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...